edrece-stansberry-BPfPrYLQZuQ-unsplash  edrece-stansberry-BPfPrYLQZuQ-unsplash

Psychedelici: Politicamente Pluripotenti

Tradotto da Veronica Migliozzi, modificato da Eleonora Corrias

Questo articolo è disponibile anche in: English English Deutsch Deutsch

Eric Lonergan

Student, MMA PAC Representative

Eric Lonergan is a Brazilian-American student of neuroscience and philosophy of mind.

View full profile ››

Edited by Abigail Calder & Clara Schüler

 

Our work at MIND relies on donations from people like you.
If you share our VISION and want to support psychedelic research and education, we are grateful for any amount you can give.
   Donate

Related Content

The latest posts connected to:
Implementation & Society
    94691112904
  • Essay
  • 8 minutes
  • Aprile 27, 2021
  • Consciousness Research
  • Philosophy & Consciousness
Share:

Dichiarazione di non responsabilità: questo post sul blog è stato tradotto e modificato da volontari. I contributori non rappresentano la MIND Foundation. Se noti errori o ambiguità nella traduzione, faccelo sapere – siamo grati per qualsiasi miglioramento. Se vuoi sostenere il nostro progetto sul multilinguismo, contattaci per entrare a far parte del MIND Blog Translation Group!

‘’Gli psichedelici sono politicamente pluripotenti: possono rafforzare tutti i movimenti politici a seconda dell’orientamento politico dell’individuo e dell’ambiente – il set e il setting politico.”

Gli psichedelici sono strumenti politici? La politica può essere condizionata dagli psichedelici? Sono essi capaci di influenzare le opinioni politiche? Se così, chi li usa è di destra o di sinistra? Queste domande sono difficili e controverse e dato che gli psichedelici rientrano nell’immaginario collettivo, trovare una risposta è sempre più importante.

Un’attenta panoramica della letteratura dimostra quanto sia improbabile che gli psichedelici possano guidarci in modo intrinseco verso uno specifico orientamento politico, suggerendo che sono fondamentalmente non politici. Eppure, gli psichedelici hanno giocato un ruolo centrale sia nei movimenti politici di destra che di sinistra, in apparente contraddizione. Risolvere questa contraddizione richiede un approfondimento sia nella ricerca scientifica che nella storia sociopolitica degli psichedelici. Poiché questo contrasto è stato particolarmente evidente nel contesto della politica statunitense, questo articolofornirà un punto di vista americano.

DESTRA, SINISTRA O CENTRO?

Gli psichedelici sono stati tradizionalmente associati alle controculture, come gli hippie e i movimenti pacifisti degli anni ’60. Associazione ben rappresentata da una fotografia del 1969 di un manifestante pacifista con un cartello con la scritta ‘’Drop acid, not bombs’’(“Sganciate acido, non bombe” N.d.T.). Lo scorso anno, un uomo fotografato durante la protesta contro l’omicidio di George Floyd esibiva un cartello con su scritto ‘’Cops need to do ayahuasca’’ (“Gli sbirri devono prendere l’ayahuasca”, n.d.r.). Questi cartelli sono la testimonianza di come una parte della sinistra libertaria1,2 (conosciuta anche come ‘’acid left’’) abbia a lungo promosso gli psichedelici come strumenti per combattere la violenza dello Stato. Alcuni vanno anche oltre, generalizzando, e dicendo che gli psichedelici sono legati alle opinioni libertarie di sinistra.

È interessante notare che  alcune ricerche osservazionali confermano questa visione. Una ricerca del 1971 di McGlothlin et al. documentava un nesso tra l’uso non-medico di LSD e il credere nella ‘’(1) libertà individuale rispetto a campi come l’aborto, l’omosessualità e la pornografia, e la tolleranza di atti di protesta come i roghi di bandiere; (2) politica estera che favorisce il disarmo unilaterale nell’interesse della pace mondiale e de-enfatizzazione del nazionalismo’’.4 Uno studio del 2006 di Lerner et al. ha dimostrato che i consumatori di sostanze psichedeliche ottenevano un punteggio più alto sulle misure di ‘’preoccupazione per gli altri’’, significativamente più bassi sulla preoccupazione per la ‘’prosperità finanziaria’’, e marginalmente più alti sulla ‘’preoccupazione per l’ambiente’’ rispetto ai controlli o ai consumatori di altre droghe illegali.5 Nel 2017, Nour et al. hanno pubblicato uno studio che dimostrava che l’uso naturalistico degli psichedelici ‘’prediceva positivamente le opinioni politiche liberali, l’apertura e la relazione con la natura, e negativamente le opinioni politiche autoritarie.’’6

Sebbene questi studi suggeriscano che i consumatori delle sostanze psichedeliche si allineano con la sinistra libertaria in generale, le loro scoperte sono puramente correlazionali. In altre parole, può essere che le persone della sinistra libertaria sono più predisposte a fare uso di psichedelici, e questo non implica che gli psichedelici muovano le opinioni verso la sinistra libertaria. Con la speranza di documentare una relazione causale, Carhart-Harris et al. hanno pubblicato i risultati di un piccolo trial del 2018 che mostrava un leggero spostamento verso una visione antiautoritaria in pazienti depressi trattati con la psilocibina.7 Qui il legame era puramente causale proprio per la natura dello studio, ma i cambiamenti sfioravano appena la significatività statistica.

Nonostante ciò, tutti gli studi sopracitati hanno portato un’ondata di entusiasmo nella ‘’acid left’’, propagandando gli psichedelici come la chiave per un’ecotopia socialista. Entusiasmo criticato sia da  scienziati che da sociologi.  Per esempio, il bioetico di Oxford, Eddie Jacobs ha posto un’importante domanda etica in un articolo di Scientific American: sarebbe etico dare alle persone delle sostanze in grado di cambiare le loro convinzioni?8 Il neuropsicologo della Johns Hopkins Matthew Johnson ha risposto a Jacobs, sempre sullo Scientific American, sostenendo che, in base ai dati presenti, è improbabile che gli psichedelici possano cambiare le nostre idee. Ha fatto notare che lo studio di McGlothlin non ha mostrato una differenza significativa tra le opinioni delle persone che hanno ricevuto gli psichedelici come trattamento medico e la popolazione generale. Pertanto, Johnson sostiene che gli psichedelici sono politicamente neutrali, cercando di dissuadere le critiche ideologiche ‘’allarmiste’’ della psicoterapia psichedelica.9

Ciò nonostante, il ruolo prominente degli psichedelici nel caotico ambiente sociopolitico odierno è indiscutibilmente allarmante. Il recente assalto al Campidoglio di Washington da parte di uno spacciatore di LSD10 e di un autoproclamato sciamano11 rivela una preoccupante intersezione tra gli psichedelici e la destra. Gli scrittori di Psymposia, Brian Pace e David Nickles indicano numerose prove di questa intersezione: i magnati sostenitori di Trump hanno fornito ingenti finanziamenti per gli studi clinici sugli psichedelici. Lo scopo era probabilmente quello di focalizzare tali sperimentazioni sul trattamento del personale militare, mentre si trascurano le popolazioni svantaggiate.12  Project MK-Ultra è un terrificante esempio storico di un disastroso tentativo (fallito) della CIA di trasformare gli psichedelici in armi per controllare la mente.  Alcuni neofascisti hanno anche dichiarato che l’LSD è stata ‘’la chiave della loro adesione all’ideologia nazista’’.13 Da questa prospettiva, gli psichedelici risultano dei potenziali strumenti della destra estremista.14

Nel complesso, il quadro è confuso: la sinistra libertaria maneggia gli psichedelici come ‘’panacea geopolitica’’, la destra autoritaria li brandisce come armi. I ricercatori della Johns Hopkins insistono che gli psichedelici sono politicamente neutrali. Che sta succedendo?

GLI PSICHEDELICI PROMUOVONO L’ADATTAMENTO SOCIALE

È possibile considerare gli psichedelici come politicamente neutrali alla luce del loro ruolo nei movimenti di destra e di sinistra? Prima di rispondere a questa domanda, è necessario fare una distinzione tra due connotazioni del termine ‘’neutrale’’: potremmo considerare gli psichedelici “neutrali” nel senso di “nonpolitici”, oppure nel senso di “strumento nelle mani di qualsiasi movimento politico”. La prima interpretazione sembra poco sostenibile data  la storia sociopolitica degli psichedelici. L’ultima interpretazione sembra plausibile, pur richiedendo maggiori prove. Fino ad ora, come Matthew Johnson ha fatto notare, le prove scarseggiano. Però, anche Johnson (che sembra essere a capo di un tentativo di depoliticizzazione degli psichedelici) ammette che possono causare danni espliciti data la loro capacità di indurre una ‘’plasticità comportamentale’’. Brian Pace, in modo più schietto, sostiene che gli psichedelici possono rendere le persone ‘’credulone’’.10

Il gruppo di Carhart-Harris la mette giù più delicatamente. Con la loro ricerca pubblicata nel 2014hanno dimostrato che l’LSD aumenta la ‘’suggestionabilità’’. Nell’esperimento è stato chiesto ai partecipanti, a cui era stato somministrato l’LSD, di valutare quanto vivide fossero le suggestioni di immagini mentali lettegli dai loro sperimentatori. Non a caso, i partecipanti sotto LSD riportavano un’immagine mentale più realistica rispetto ai “controlli” (partecipanti che non hanno assunto alcuna dose di LSD, n.d.r.).15 Ciò dimostrerebbe che gli psichedelici sarebbero in grado di facilitare la persuasione politica, anche se le sole immagini mentali non sono certamente un buon indicatore delle opinioni politiche.

Una recente ricerca di Duerler et al. può offrire prove più convincenti. Questo esperimento ha dimostrato che l’LSD promuove l’‘’adattamento alle opinioni simili alle proprie’’. Per prima cosa, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di valutare la qualità di un’opera d’arte. Poi, hanno dato un feedback ai partecipanti. Il feedback consisteva nella media delle valutazioni data alla stessa opera d’arte da un precedente gruppo fittizio di 70 partecipanti  Alla fine, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di rivalutare l’opera d’artee hanno scoperto che quelli a cui era stato somministrato l’LSD erano più propensi a cambiare la loro valutazione con una più vicina alla valutazione del gruppo. Però, questo capitava soltanto quando la valutazione del gruppo era già vicina a quella originale dei partecipanti. Questo suggerisce che gli psichedelici possono indurci a cambiare i nostri punti di vista, ma solo se le opinioni altrui sono abbastanza vicine ai nostri punti di vista di partenza.16

 GLI PSICHEDELICI:POLITICAMENTE PLURIPOTENTI

Se i risultati di Duerler fossero confermati potrebbero avvalorare l’idea che gli psichedelici rafforzino la coesione dei gruppi politici, motivando le persone ad adattare le proprie opinioni alla norma del gruppo. Questo accadrebbe indipendentemente dalla ideologia del gruppo. I liberali diventerebbero più liberali nel contesto di un movimento liberale, e i conservatori diventerebbero più conservatori nel contesto di un movimento conservatore. Questo potrebbe far sembrare gli psichedelici strumenti di radicalizzazione. Tuttavia, se gli psichedelici promuovono soltanto ‘’un adattamento alle opinioni simili alle proprie’’, ne consegue che i moderati diventerebbero più moderati nel contesto di un movimento moderato. Inoltre, suggerisce che gli inviti alla radicalizzazione cadrebbero nel vuoto se le opinioni del soggetto non fossero già predisposte verso tali idee. Infine, spiegherebbe anche la mancanza di cambiamenti di pensiero nel contesto della terapia psichedelica – se i terapisti sono consapevoli di non dover dichiarare le loro opinioni politiche personali, i pazienti uscirebbero dalla terapia con inclinazioni ideologiche immutate.

Ancora una volta, vediamo che gli psichedelici hanno un ampio range di effetti a seconda delle circostanze. In termini biologici, gli psichedelici potrebbero essere descritti come “pluripotenti”. La parola “pluripotente” è solitamente utilizzata nel contesto della ricerca sulle cellule staminali. Essa si riferisce all’abilità di una cellula staminale di differenziarsi in diverse tipologie di cellule in base ai fattori ambientali. Questo concetto si adatta perfettamente alla ben nota conoscenza sugli psichedelici che possono indurre o grande angoscia o grande esaltazione in base al set e al setting, rendendoli ‘’psicologicamente pluripotenti’’. Allo stesso modo, gli psichedelici sono politicamente pluripotenti: possono rafforzare ogni sorta di movimento politico in base al set e setting politico. Qui, il ‘’set politico’’ è l’orientamento politico del soggetto, e il ‘’setting politico’’ è l’orientamento politico dell’ambiente.

Spero che l’introduzione a questi concetti aiuti a spiegare le diverse ripercussioni politiche degli psichedelici. Studi futuri dovrebbero cambiare sistematicamente il set e il setting politico delle esperienze psichedeliche, per chiarire come gli psichedelici influenzino le opinioni politiche individuali e, più in generale, gli ambienti sociopolitici.

Per esempio, per analizzare gli effettidegli psichedelici sulle opinioni politiche individuali, si potrebbe modificare il modello utilizzato nello studio di Duerler et al. I partecipanti andrebbero valutati in merito alle loro opinioni politiche (il set politico), e gli si potrebbe chiedere di valutare dichiarazioni politiche di rilievo, al posto di opere d’arte astratte. Poi, gli si potrebbe presentare un feedback da un gruppo politicamente attivo (il setting politico), e i partecipanti potrebbero rivalutare le proprie dichiarazioni. È probabile che i partecipanti sotto LSD siano più inclini ad adattare la loro valutazione politica al feedback del gruppo, purché esso non sia troppo differente dalla loro personale opinione.

Per indagare in maniera più ampia gli effetti che gli psichedelici hanno sulla politica, potrebbero essere condotti dei sondaggi sui membri delle organizzazioni politiche. Le domande valuterebbero l’eventuale uso di psichedelici da parte di questi membri, per poi discernerne l’impatto sul loro orientamento politico.,. Io ritengo che studi di questo tipo potrebbero confermare la pluripotenza degli psichedelici, non solo a livello psicologico, ma anche a livello sociopolitico.

Il nostro lavoro in MIND si basa sulle donazioni di persone come te.
Se condividi la nostra visione e vuoi sostenere la ricerca e l’educazione psichedelica, ti siamo grati per qualsiasi cifra tu possa dare.
Bibliografia:
  1. About the Political Compass. 2020. Available at: https://www.politicalcompass.org/analysis2 Accessed February 26, 2021.
  2. Sundstrom W. An Egalitarian-Libertarian Manifesto. 2002. Available at: https://web.archive.org/web/20131029212045/http://www.scu.edu/ethics/publications/submitted/sundstrom/Sundstrommanifesto.pdf Accessed February 26, 2021.
  3. Gilbert J. Psychedelic socialism. 2017. Available at: https://www.opendemocracy.net/en/psychedelic-socialism/. Accessed February 26, 2021.
  4. McGlothlin WH, Arnold DO. LSD Revisited: A Ten-Year Follow-up of Medical LSD Use. Archives of General Psychiatry. 1971;24(1):35-49. doi:10.1001/archpsyc.1971.01750070037005
  5. Lerner M, Lyvers M. Values and Beliefs of Psychedelic Drug Users: A Cross-Cultural Study. Journal of Psychoactive Drugs. 2006;38(2):143-147. doi:10.1080/02791072.2006.10399838
  6. Nour MM, Evans L, Carhart-Harris RL. Psychedelics, Personality and Political Perspectives. Journal of Psychoactive Drugs. 2017;49(3):182-191. doi:10.1080/02791072.2017.1312643
  7. Lyons T, Carhart-Harris RL. Increased nature relatedness and decreased authoritarian political views after psilocybin for treatment-resistant depression. J Psychopharmacol. 2018;32(7):811-819. doi:10.1177/0269881117748902
  8. Jacobs E. What if a Pill Can Change Your Politics or Religious Beliefs? 2020. Available at: https://www.scientificamerican.com/article/what-if-a-pill-can-change-your-politics-or-religious-beliefs/. Accessed January 16, 2021.
  9. Johnson M. There’s No Good Evidence That Psychedelics Can Change Your Politics or Religion. 2020. Available at: https://www.scientificamerican.com/article/theres-no-good-evidence-that-psychedelics-can-change-your-politics-or-religion/. Accessed January 16, 2021
  10. Pace B. Turn Off Your Mind, Relax—and Float Right-Wing? 2021. Available at: https://www.psymposia.com/magazine/turn-off-your-mind-relax-and-float-right-wing/. Accessed February 14, 2021
  11. Pace B. Jake Angeli: The Psychedelic Guru Who Stormed the Capitol. 2021. Available at: https://www.psymposia.com/magazine/jake-angeli-psychedelic-shaman-capitol-insurrection-trump/. Accessed January 16, 2021
  12. Nickles D. We Need to Talk About MAPS Supporting The Police, The Military, and Violent White Supremacism. 2020. Available at: https://www.psymposia.com/magazine/acab/. Accessed February 26, 2021.
  13. Evans R. From Memes to Infowars: How 75 Fascist Activists Were “Red-Pilled”. 2018. Available at: https://www.bellingcat.com/news/americas/2018/10/11/memes-infowars-75-fascist-activists-red-pilled/. Accessed February 26, 2021.
  14. Pace B. Lucy In the Sky with Nazis: Psychedelics and the Right Wing. 2020. Available at: https://www.psymposia.com/magazine/lucy-in-the-sky-with-nazis-psychedelics-and-the-right-wing/. Accessed January 16, 2021
  15. Carhart-Harris RL, Kaelen M, Whalley MG, Bolstridge M, Feilding A, Nutt DJ. LSD enhances suggestibility in healthy volunteers. Psychopharmacology. 2015;232(4):785-794. doi:10.1007/s00213-014-3714-z
  16. Duerler P, Schilbach L, Stämpfli P, Vollenweider FX, Duerler KH. LSD-induced increases in social adaptation to opinions similar to one’s own are associated with stimulation of serotonin receptors. Sci Rep. 2020;10(1):12181. Published 2020 Jul 22. doi:10.1038/s41598-020-68899-y